Cerca
  • lorenatosi0

TERAPIA DI COPPIA - LA CASA DELLA RELAZIONE SOLIDA

Immaginiamo la relazione come la costruzione di una casa formata da nove elementi costitutivi: sette piani sostenuti da due muri portanti.


PIANO TERRA Costruire mappe dell’amore: Questo piano mette in evidenza quanto sia importante che i due componenti della coppia conoscano il mondo psicologico interno dell’altro sufficiente bene da poterlo mappare. Il mondo interiore di ciascun partner è fatto di necessità, valori, esperienze passate, priorità, momenti di stress, ecc. Con il passare del tempo i partner evolvono e le loro mappe dell’amore cambiano. Per creare e mantenere aggiornate le mappe dell’amore le coppie esperte si fanno a vicenda delle domande, soprattutto domande aperte.


SECONDO PIANO Condividere affettuosità e ammirazione Immaginiamo che la coppia abbia un conto corrente emotivo della relazione. Questo piano crea una cultura dell’apprezzamento che garantisce un credito a questo conto corrente. A questo livello la cosa più importante è che i partner non solo provino amore e ammirazione l’uno per l’altro, ma anche che lo esprimano spesso.


TERZO PIANO Avvicinarsi anziché allontanarsi questo piano è costruito da quei piccoli momenti in cui i partner cercano l’attenzione dell’altro, provano a stabilire un contatto. Le coppie esperte e solide, anziché allontanarsi o entrare in contrasto con il partner, quasi sempre colgono i tentativi di contatto dell’altro.


QUESTI PRIMI TRE PIANI DELLA CASA MOSTRANO QUANTO BENE LE COPPIE MANTENGANO AMICIZIA, INTIMITA’ E PASSIONE.


QUARTO PIANO la prospettiva positiva Questo piano dipende dal sovrappiù di sentimenti positivi oppure un sovrappiù di sentimenti negativi verso l’altro di fronte a un occasionale, cattivo comportamento dell’altro. Ad es. se la moglie appena sveglia è scontrosa il marito con prospettiva positiva si limiterà a pensare che ha dormito male, mentre quello con prospettiva negativa penserà che ce l’ha con lui. Questa prospettiva positiva o negativa è determinata dalla forza del sentimento di amicizia che lega la coppia e dalla capacità di gestire i conflitti.


QUINTO PIANO Gestire i conflitti Questo piano è formato da 6 ABILITA’: la prima è il modo con cui si dà voce a una lamentela. Se lo si fa esordendo dolcemente anziché sollevare critiche o manifestando disprezza, la cosa funziona meglio. La seconda abilità è dare spazio alle proposte del partner quando si cerca un compromesso: lasciarsi influenzare non è segno di debolezza ma di forza sia per gli uomini che per le donne. La terza è la capacità di riparazione della coppia nel bel mezzo di una discussione che sta prendendo un brutto verso: prima lo si fa, meglio è. La quarta abilità consiste nel saper disinnescare una lite quando i QUATTRO CAVALIERI * hanno preso il sopravvento. La quinta abilità è trovare strategie personali per calmarsi prima che si arrivi al caos totale e la sesta abilità è importantissima quando tutto il resto fallisce: la capacità di elaborare e superare un evento spiacevole o una brutta lite.


SESTO PIANO Realizzare i propri sogni di vita Quasi tutte le persone hanno sogni, speranze e aspirazioni. I partner che si supportano a vicenda per realizzarli danno vita a relazioni pressochè indistruttibili


SETTIMO PIANO Creare significati condivisi Le esperienze della vita imprimono in ognuno di noi una serie di valori e credenze uniche. Non è necessario che i partner li condividano tutti ma è necessario che possano parlarne tra loro. Le coppie abili in questo discutono i loro valori e ciò che vogliono trasmettere e nulla viene tenuto nascosto.


I SETTE PIANI DELLA CASA SI MANTENGONO FORTI SE I MURI PORTANTI SONO SOLIDI.

I MURI PORTANTI SONO:


FIDUCIA ovvero la consapevolezza di ciascun partner che l’altro rimarrà al suo fianco nelle situazioni più diverse: quando si sente triste, arrabbiato, spaventato, brutto, sconfitto, malato, impotente, trionfante ecc.

La fiducia si fonda sulla scelta di esserci per l’altro, non in modo perfetto, non sempre, ma quanto più spesso possibile.


IMPEGNO fa riferimento alla lealtà, all’essere affezionati al proprio partner più che a chiunque altro, a non scrutare continuamente alla ricerca di qualcuno che, forse, potrebbe essere migliore. Impegno corrisponde a una promessa di fedeltà e cura.



* I QUATTRO CAVALIERI DELL’APOCALISSE

FATTORI CHE PREDICONO LA FINE DI UNA RELAZIONE


PRIMO CAVALIERE – LE CRITICHE

Se i partner ricorrono regolarmente alle critiche per dar voce alle loro lamentele tendendo a ricondurre un problema ai difetti caratteriali dell’altro, la relazione non ha molte chances di durare


SECONDO CAVALIERE – IL DISPREZZO

Quando si agisce con superiorità e si sottolineano le critiche con disgusto o sarcasmo si distrugge non solo la felicità della relazione ma anche il sistema immunitario del partner attaccato. Il disprezzo distrugge le relazioni molto velocemente


TERZO CAVALIERE – RITIRARSI SULLA DIFENSIVA

Questo atteggiamento va a braccetto con le critiche e il disprezzo, perché sono pochi coloro che tollerano di essere calpestati senza difendersi. In questo caso si tende ad assumere l’atteggiamento della vittima innocente innescando una modalità di comunicazione difficilissima da sradicare


QUARTO CAVALIERE – OSTRUZIONISMO

Quando i partner affrontano una discussione conflittuale spesso tendono a non rispondere, a distogliere lo sguardo, ad allontanarsi escludendo il partner e diventando un muro di pietra.

SBATTERE CONTRO UN MURO E’ TERRIBILE PER UNA RELAZIONE




A TUTTI CAPITA DI FAR RICORSO A TALI MODALITA’ DI COMUNICAZIONE DI TANTO IN TANTO. L’ABILITA’ DELLE COPPIE FELICI E CIO’ CHE LE DISTINGUE DA QUELLE CHE COMBINANO DISASTRI IN UNA RELAZIONE, E’CHE LE PRIME SONO CAPACI DI RIPARARE, LE SECONDE NO.




Bibliografia

Dieci principi per una terapia di coppia efficace

Julie Schwartz Gottman

John M. Gottman

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti